Crea sito

Mancano 10 giorni all’uscita di Destiny, I Signori del Ferro. Facciamo un riepilogo di questa nuova espansione, per capire che cosa ci aspetterà nel FPS / MMO targato Bungie.

Come già ormai noto, I Signori del Ferro (Rise of Iron titolo originale), ci metterà al fianco di uno dei personaggi finora non ancora approfonditi, e che abbiamo incontrato durante l’evento PvP Stendardo di Ferro: stiamo parlando di Lord Saladin, ultimo dei Signori del Ferro.

Ma chi sono I Signori del Ferro?
Secondo la storia di Destiny, sono un gruppo di valorosi guerrieri che giurarono di difendere l’Ultima Città dalla minaccia dell’oscurità.
Ma durante la Battaglia della Breccia, si ritrovarono fronteggiare un nemico molto più temibile, che riuscirono a sconfiggere ed isolare, ma a caro prezzo: Lord Saladin è infatti l’unico sopravvissuto della lotta.
Purtroppo questa minaccia non è stata debellata, sembra essersi risvegliata e sta per tornare.

Nuove minacce e nuove aree

I Caduti sono entrati in possesso di una tecnologia tecno-simbionte, SIVA. Ci troveremo quindi ad affrontare nemici molto diversi da quelli a cui siamo abituati, degli esseri metà organici e metà meccanici.
I Caduti sono sempre stati attratti dalla tecnologia, anche venerando divinità bio-meccaniche. Con questa tecnologia, diventeranno essi stessi delle divinità.

L’espansione introdurrà alcune nuove aree, tra cui di non poca importanza sarà il Picco di Felwinter, un area innevata che fungerà anche da spazio social, e le Terre Infette, una nuova zona molto grande da esplorare e, a detta degli sviluppatori, ricca di segreti.

Anche il Crogiolo subirà dei cambiamenti. Non di poco conto l’introduzione della possibilità di creare partite private, una feature richiesta a gran voce dall’utenza per ridurre il lag.
Sarà introdotta una nuova modalità Supremazia, il cui scopo sarà quello di uccidere Guardiani e raccoglierne il simbolo per guadagnare punti. Sarà disponibile in 6 vs 6, 3 vs 3 e Rissa.

Novità alle armi ed all’equipaggiamento

Ovviamente sarà ampliato il set di armi ed armature, e troveremo una nuova classe di elementi, gli Ornamenti per personalizzare il nostro equipaggiamento esotico.

Gli artefatti, introdotti ne Il Re dei Corrotti e con modifiche alle sole statistiche, sono stati modificati ed ora avranno un abilità particolare nel gioco.
Ad esempio, l’artefatto Memoria di Timur permetterà di trasformare un nemico in alleato per un breve periodo di tempo, a seguito di un corpo a corpo. Oppure Memoria di Perun da la capacita di evidenziare i guardiani con la Super carica e quelli con con bassa salute.

Nel video a seguire un po’ di quello che troveremo:

L’elenco dei contenuti

Riassumiamo a grandi linee che cosa troveremo il 20 settembre 2016:

– Nuova campagna;
– Nuova incursione: Furia Meccanica (Wrath of the Machine) che sarà giocabile dal 23 settembre;
– Nuovo assalto: L’Occhio Miserabile (The Wretcher Eye);
– Nuova modalità Crogiolo: Supremazia;
– Ritorno del lanciarazzi Gjallarhorn e il cannone portatile Aculeo.

Questo è stato un anno decisamente importante per Destiny, che sarebbe giusto definire della “svolta”. A partire dal mese di agosto, Bungie ha separato definitivamente l’esperienza di gioco tra vecchia e nuova generazione, rendendo i progressi indipendenti. Inoltre, gli utenti PS3 e Xbox 360 non avranno più accesso agli eventi live, alle Prove di Osiride ed allo Stendardo di Ferro.
Inoltre anche Xur non verrà più a far visita gli utenti di vecchia generazione.

Il fatto che I Signori del Ferro uscirà solamente per PS4 ed Xbox One, è solamente l’atto finale della progressiva chiusura del supporto.

I Signori del Ferro potrà essere acquistato come espansione dai rispettivi store, a patto di avere già Il Re dei Corrotti.
In alternativa, Bungie ha preparato Destiny: the Collection, un unico cofanetto che include l’intera esperienza di gioco ad prezzo decisamente vantaggioso.

[AMAZONPRODUCTS asin=”B01L7GQ2J8″]
[AMAZONPRODUCTS asin=”B01L7GQ6M6″]

By Flavio

Lascia un commento