Crea sito

Arkane Studios è una di quelle case di sviluppo, che quando meno te lo aspetti, sale sul palco e ti butta lì uno, due titoli di grande valore. E’ il caso di Prey, annunciato oggi, ma soprattutto è il caso di Dishonored 2, annunciato alla conferenza dell’anno scorso, molto atteso, ma non così scontato. Finalmente ieri sera, intorno alle 5 del mattino, ci hanno mostrato un po’ di gameplay del nuovo titolo della saga, che sulle vecchie console aveva lasciato un segno indelebile di amore nei confronti dei personaggi, dell’ambientazione, della grafica e del gameplay stesso.
Dishonored 2 replica molto intelligentemente queste caratteristiche migliorandole sotto ogni punto di vista. Intanto l’aver sfruttato nuovamente Corvo Attano ed Emily Kaldwin, ed aver implementato la possibilità di scegliere quale dei due personaggi usare, non ha tagliato quel filo che collega questo episodio con il primo, ma gli ha dato importanza, avendo riconosciuto che il primo Dishonored è stato un successo meritato, e che quindi i fan si meritavano a loro volta, di poter nuovamente interpretare il nostro amico mascherato.

Nuovamente a caccia di vendetta

In una Dunwall infestata da una malattia piuttosto disgustosa, dove alcune zanzare giganti si cibano di corpi umani, regna il caos. Emily, la diretta erede al trono viene spodestata da un usurpatore, del quale non sappiamo al momento ancora nulla. A questo punto, Emily, che non riesce più a vivere come una fuorilegge, chiede aiuto al suo protettore Corvo Attano, il quale gli insegnerà le arti dell’assassino, per far si che lei possa riavere il trono che gli spetta. Trama solida, ricca sicuramente di colpi di scena e anche un tantino cruda, con la vendetta dietro l’angolo, pronta a castigare chiunque abbia tradito e tramato contro una Emily ormai cresciuta. La vendetta del resto era il piatto forte anche del primo Dishonored, e qui viene riproposta in maniera differente, ma sempre intensa e vorace. Della trama per ora non ci è dato sapere altro, ma l’uscita non è lontanissima, sicuramente nel corse delle settimane usciranno più dettagli al riguardo.hqdefault

Un nuovo gameplay costruito sul vecchio

Partiamo dal fatto che dovremo scegliere se affrontare l’avventura con Emily o con Corvo e che ognuno ha dei singoli poteri simili, ma comunque diversi. Corvo con molta probabilità avrà gli stessi poteri del primo Dishonored, forse con qualche piccola aggiunta, Emily invece ha un gameplay completamente rinnovato, con poteri di vario tipo, ad esempio: la possibilità di tornare nel passato, o elettrizzare più nemici contemporaneamente, o semplicemente immobilizzarli, facendo in modo che non si ricordino del suo passaggio. Infine, Emily avrà la possibilità di smaterializzarsi e di spostarsi sottoforma di fumo nero da un punto all’altro senza essere notata. Non mancheranno ovviamente i soliti pugnale e pistola, che si riveleranno essere molto utili durante l’avventura.

Grafica migliorata

La grafica di Dishonored 2 appare pulita, con texture e colori ben definiti. Lo stile grafico rimane lo stesso del precedente capitolo, infatti i volti e gli oggetti non sono cambiati affatto, anche se il motore grafico è cambiato, perché non si tratterà più di Unreal Engine 3, ma di Void Engine, un motore grafico usato da Bethesda. E’ ancora presto però per parlare di grafica, sappiamo che i trailer spesso ingannano e che il gameplay mostrato viene reso il più pulito possibile, siamo comunque fiduciosi, non tanto nel titolo in sé, quanto dal punto di vista degli Arkane Studios, che sono capaci di fare grandi cose e anche graficamente siamo sicuri che il titolo non ne risentirà.

Aspettando l’11 novembre

Dishonored 2 uscirà l’11 novembre su Ps4, XboxOne e Pc. L’attesa è lunga e l’hype è tanto, su questo non ci sono dubbi, ma un lavoro svolto nei tempi dovuti, rischia positivamente di diventare un capolavoro. Dishonored 2 può diventarlo, ne ha tutte le potenzialità. Ma intanto, se non sapete cosa fare per ingannare l’attesa, potrete prepararvi a prenotare la collector con la maschera di Corvo, che da quanto è stato detto, sarà in edizione piuttosto limitata, e quindi le copie disponibili non saranno moltissime. Quindi preparatevi a fare il vostor pre-order.

 

 

By Markox

Lascia un commento