Crea sito

C’è aria di cambiamento in casa Ubisoft che sta rivalutando le sue politiche relative ai DLC.

In un’intervista, Anne Blondel-Jouin di Ubisoft, ha dichiarato che la società vuole iniziare a supportare i suoi giochi per lunghi periodi di tempo (dai 5 ai 10 anni) ma per farlo deve studiare un nuovo sistema di monetizzazione.
L’esempio che cita è quello di Rainbow Six: Siege che introduce periodicamente mappe e aggiornamenti gratuiti mentre i contenuti a pagamento riguardano principalmente nuovi personaggi e la loro personalizzazione estetica.

Quando si parla di monetizzazione, dobbiamo stare molto attenti. Io e la mia squadra dobbiamo capire quali contenuti possono essere monetizzati e quali no.
I giocatori devono essere liberi di scegliere, i contenuti legati all’arricchimento dell’esperienza non possono più essere monetizzati come una volta.

Infine Anne Blondel-Jouin ha paragonato il nuovo sistema di monetizzazione ad un parco giochi.

Vi faccio un semplice esempio: da oggi potete andare in un parco di divertimenti, pagare il biglietto e godere di tutte le attrazioni. Poi, se vorrete, sarete liberi di acquistare cibo o merchandising, ma non siete obbligati a farlo.
Potrete continuare a divertirvi senza spendere un solo centesimo in più rispetto al costo di ingresso.

Voi pensate che si tornerà nuovamente ad avere esperienze complete senza dover pagare qualcosa dì diverso dal gioco base?

 

FONTE

Lascia un commento