Crea sito

Negli ultimi anni Ubisoft è stata sotto attacco finanziario da parte di Vivendi, colosso multimediale interessato ad acquisire la compagnia ed espandere il suo controllo anche nel settore dei videogiochi.

La scalata finanziaria è stata cosi tanto ostile da indurre la famiglia Guillemot (CEO di UBisoft ) ad acquistare il maggior numero di azioni possibili, per contrastare l’acquisizione e mantenere Ubisoft indipendente.

La battaglia finanziaria si è conclusa oggi, infatti Ubisoft e Vivendi hanno finalmente stipulato un armistizio. Ubisoft ha infatti annunciato di aver stretto un accordo con Vivendi, la quale ha formalmente rinunciato a tutte le sue azioni Ubisoft, quasi 30 milioni, per un valore globale di quasi 1.2 miliardi di euro. Tali azioni, verranno in parte ripartite fra investitori qualificati (che diventeranno azionisti al posto di Vivendi), la società personale dei fratelli Guillemot e Ubisoft.

Fra questi “investitori qualificati” figura anche Tencent, noto colosso multimediale cinese, il quale, diventando partner e azionisita di Ubisoft, sarà in grado di aiutarla con la localizzazione in cinese dei suoi titoli.

In sostanza, Vivendi non è più azionista della società francese che resterà indipendente e ora ha un aiuto in più per affermarsi nel mercato cinese. Tutto sommato, una vittoria.

Far Cry 5: ‘La missione di ottenere testicoli porta freschezza al gioco’

Lascia un commento