Crea sito

Ci sono giochi che hanno un buon riscontro di pubblico e vendono milioni di copie, altri che meriterebbero molto più di quanto raccolto e poi ci sono i giochi che fanno la storia, che cambiano il modo stesso di intendere questo medium. Tra questi c’è sicuramente Final Fantasy che oggi festeggia il suo 30° compleanno! Ripercorriamo quindi la storia di questa gloriosa saga.

 

Final Fantasy Japanese Logo Erano la fine degli anni ’80 e la casa di sviluppo Squaresoft era sull’orlo del fallimento. Hironobu Sakaguchi, allora Direttore di Pianificazione e Sviluppo, progettò un videogioco di ruolo con una vasta mappa e una grafica innovativa per l’epoca che chiamò fantasia finale perché, se non fosse stato un successo commerciale, sarebbe stato il suo ultimo gioco, la sua “ultima fantasia” e avrebbe ripreso l’università abbandonata qualche anno prima. Il gioco uscì il 18 dicembre 1987 in Giappone per Nintendo Entertainment System (NES) e, inutile dirlo, fu un successo strepitoso divenendo il capostipite di una saga che avrebbe fatto la storia.

Il gioco narra di 4 guerrieri della luce (starà a noi dargli dei nomi specifici) che combattono il male cercando di ripristinare il potere dei 4 cristalli la cui luce è andata perduta, evento che ha portato all’avvento del caos con l’arrivo di creature spaventose e le città che cadono in rovina una dopo l’altra.

hqdefault

All’inizio del gioco bisogna scegliere il nome e la classe (guerriero, ladro, monaco, mago nero, maga bianca o mago rosso) di ogni personaggio. I combattimenti sono casuali (entri in battaglia venendo trasportato in una zona delemitata casualmente camminando tranne che in zone sicure come le cittá) e il sistema di combattimento è a turni dove è possibile usare i comandi:

Attacco: per attaccare con la propria arma;

Oggetti: per usare gli oggetti nell’inventario;

Magia: per usare magie bianche (curative) o nere (d’attacco);

Equip: per cambiare equipaggiamento durante la battaglia (senza perdere il turno);

Fuga: per fuggire dalla battaglia

FF 1 jap MSX battle

In Nord America arrivò tre anni dopo, mentre per vederlo pubblicato in Europa si è dovuto attendere il 2003 (su PlayStation), in seguito è approdato su diverse piattaforme anche con grafica migliorata.

FFII Japanese Logo

Dato il grande successo di Final Fantasy era prevedibile un suo seguito che arrivò appena un anno dopo. Il 17 dicembre 1988 esce infatti Final Fantasy II sempre su NES.

A differenza del predecessore qui ogni protagonista ha un nome e una caratterizzazione distinta. La storia inizia infatti con Firion, Maria, Guy e Leon in fuga dalla città di Finn occupata dall’impero di Palemecia. I protagonisti finiranno per esser coinvolti nella guerra contro l’impero per sconfiggere il malvagio imperatore Mateus e riportare la pace nel mondo.

477325 final fantasy ii nes screenshot exploring a village

Il gioco è privo sia di classi che di livelli. Ogni personaggio può usare qualunque arma e apprendere fino a 16 magie. Il sistema di crescita è molto particolare, non più basato sui livelli, ma in base alle azioni compiute (subire danni aumenta HP e resistenza, usare attacchi fisici aumenta forza e padronanza di quel tipo d’arma, ecc.).

220px Final Fantasy II JAP Battle

Inoltre in questo capitolo fanno il loro debutto i Chocobo, simpatici pennuti grazie ai quali è possibile spostarsi più velocemente che diverranno uno dei simboli della saga e saranno presenti in praticamente tutti i giochi seguenti.

chocobo

A differenza del predecessore non è arrivato in occidente dopo pochi anni, ma si è dovuto aspettare fino al 2003, quando è uscito su PlayStation insieme al primo gioco nel pacchetto “Final Fantasy  Origins”. In seguito è uscito anche su GBA, PSP e cellulare.

IIILogo High res il 27 aprile 1990 esce in Giappone il terzo capitolo della saga sempre su NES.

Luneth, un ragazzo del villaggio di Ur, cade in un buco, andando a finire in una grotta. Lì trova il cristallo dell’aria che gli dice che deve riunire i Guerrieri della Luce per riportare l’equilibrio nel mondo dato che l’oscurità sta per inghiottire la luce.

ur

Il sistema di combattimento è sempre a turni. Viene aggiunto il “job” che consente di cambiare il punto di forza o di difesa e ogni volta che si conquista un cristallo di luce si possono ottenere più classi. A volte si uniscono al gruppo dei personaggi ospiti di cui non sará possibile modificare l’equipaggiamento.

In questo titolo fanno il loro debutto le evocazioni, potenti creature alleate che diverranno una delle caratteristiche peculiari della saga. Debuttano inoltre anche i simpatici moguri, altre creature iconiche.

hqdefault 1

moogles

Questo capitolo non è mai arrivato in occidente fino alla versione per Nintendo DS nel 2006. In seguito è uscito anche per PC, PSP e cellulare.

landscape gaming final fantasy iv logo

Il quarto capitolo approda su Super Nintendo Entertainment System (SNES) nel 1991.

La storia inizia con Cecil, capitano delle ALi Rosse, che attacca la città di Mysidia e ruba il cristallo dell’Acqua. Quando chiede al re Baron del perché di quell’operazione viene sollevato dall’incarico e mandato insieme a Cain a consegnare un anello al villaggio di Mist. Qui scopre che l’anello ha il potere di evocare mostri e questo lo porta a pianificare una ribellione contro il re.

33719 Final Fantasy IV Japan Rev 1 En by J2e v3.21 1459894900

In questo capitolo viene introdotto l’ATB (Active Time Battle), ogni azione può essere eseguita dopo il riempimento di una apposita barra; questo sistema verrà utilizzato per quasi tutti i titoli successivi della saga principale.

1149deignff4

Il protagonista è quello che subisce il maggior cambiamento all’interno della saga: da cavaliere nero diventa paladino cambiando sensibilmente le proprie abilità.

Cecil

È uscito in seguito su PlayStation, WonderSwan Color e un porting su DS nel 2007. Nel 2012 è uscito su cellulare e nel 2014 su PC.

FF4TA LogolI 18 febbraio 2008 esce per cellulare un seguito di Final Fantasy IV. Successivamente esce anche su wii , PC e viene inclusa nella complete collection per PSP. Quest’ultima comprende anche interlude, un breve episodio che fa da ponte tra il gioco principale e The After Years.

Ff5SFjapan

Il gioco è uscito su SNES nel 1992.

Protagonisti sono Bartz, viandante solitario, Lenna, una principessa, Galuf, un vecchio che ha perso la memoria e Faris, una piratessa che, in seguito alla distruzione del cristallo del vento, vengono consacrati a guerrieri della luce e dovranno evitare la distruzione degli altri cristalli.

hqdefault 2

Final Fantasy V ha molte classi che permettono una grandissima varietà nelle abilità: tuttofare, monaco, paladino, cavaliere, berserker, ladro, dragone, ninja, samurai, ranger, mago nero, mago bianco, mago temporale, invocatore, mago blu, mago rosso, domatore, geomante, bardo, ballerino, alchimista, mimo e per la versione GBA artigliere, gladiatore, oracolo e negromante.

33732 Final Fantasy V Japan En by RPGe v1.1 8

In seguito è uscito su Playstation e un remake su GBA, Playstation Vita e celluare.

Final Fantasy Logo VI

Da molti considerato il miglior Final Fantasy di sempre e uno dei più bei giochi in assoluto, è uscito il 2 aprile in Giappone e il 20 ottobre dello stesso anno in America.

Inizialmente il mondo è diviso in tre continenti: quello settentrionale, dove si trovano la maggior parte dei  luoghi visitabili, quello meridionale, sotto il controllo dell’impero e quello orientale civo di belve feroci. A differenza dei precedenti ad ambientazione medievale qui troviamo un’ambientazione stile steampunk. Questo è il primo ff con protagonista femminile. Conta il cast più vasto di tutta la saga: sono ben 14 i personaggi giocabili.

Il gioco inizia con Terra che è alla ricerca di un Esper, creature leggendarie da cui l’impero trae l’energia per creare i propri guerrieri magitek, per conto dell’impero. Con un potente attacco la creatura iccide i due soldati imperiali che la accompagnavano e libera la ragazza dal controllo del generale Kefka, ma non riesce a ricordare nulla del proprio passato. In seguito incontra il cacciatore di pirati Locke che la aiuta a fuggire dagli imperiali. Poi si recano dal re Edgar che si offre di aiutare lei e la resistenza che chiede alla ragazza di aiutarli nella lotta contro l’impero.

 8f37c3ada4b6b0ccbd0097275a909a6f

Il sistema di combattimento è a turni con barra ATB e si possono usare al massimo 4 personaggi per volta. Ogni personaggio ha una propria abilità personale e fanno il debutto le tecniche speciali, qui chiamati “Attacchi della Disperazione”, che si possono attivare quando i punti vita sono a un livello basso. Aumentando di livello aumentano solo i punti vita e i punti magia, mentre si puó scegliere quale altra statistica aumentare o quale magia apprendere in base all’esper equipaggiato. Sole Terra e Celes apprendono nuove magie raggiungendo determinati livelli.

Final Fantasy VI battle

Menzione d’onore la merita Kefka Palazzo, l’antagonista principale del gioco, temuto anche dai suoi stessi sottoposti  per la sua malvagità e considerato uno dei migliori cattivi della storia dei videogiochi.

Final Fantasy 6   SNES   Kefka

Il gioco è uscito successivamente anche su Playstation, GBA, Wii, cellulare, PC e Playstation Network.

By elric88

Lascia un commento